Una terra di "incapaci": disintossicarsi nell'era digitale

Scritto Mar, 12/11/2013 - 17:26 da L'ergonomista

Qual è il primo pensiero che salta in mente guardando questo video?

Una sorta di déjà vu, forse?

Forse perché ci stiamo lentamente trasformando in una società di persone incapaci di relazionarsi tra loro, di ascoltare il prossimo, di stare all'aria aperta e non in un centro commerciale, di muoversi in maniera equilibrata e di mangiare sano.

Una società capace, però, di essere sovrappeso, malata, stanca e depressa. Alla costante ricerca di un qualcosa, di un riconoscimento e di un senso della vita che forse non arriveranno mai.

Il senso della vita

Il senso della vita può essere compreso?

 

La nostra civiltà è sempre più digitalizzata e sempre meno "concreta". E più ci impegnamo nella ricerca di un senso da dare alle nostre giornate, più ce ne allontaniamo.

Ruotiamo attorno ad un chiodo fisso che ci costringe a sprecare il nostro tempo nella rincorsa di fugaci piaceri quali il riconoscimento sociale tramite "mi piace" e "commenti".

Paradossalmente, quello che non raccontiamo, fotografiamo, condiviamo è come se non fosse mai esistito.

Social media

Esiste un'altra realtà là fuori?

 

E, allora, è forse tempo di riflettere sulle nostre esistenze.

Desideriamo davvero una vita composta sopratutto di #appuntamenti #esami d'università #lavoro #routine #lamentele #hashtag #colleghi d'ufficio #matrimoni #vacanze sempre uguali #viaggi in macchina #caffè #condivisioni su Facebook?

Molto probabilmente anche tu desideri una vita diversa da quella che potresti avere "accontentandoti". E allora perché non destinare un giorno a settimana, un misero giorno a settimana alla disintossicazione da cellulare, pc, tablet e smartphone.

Spegniamo tutto, "stacchiamo" la spina e concediamoci una giornata senza distrazioni, concentriamoci esclusivamente su quello che è davvero importante per noi -e non su quello che viene percepito dall'esterno.

Per correre dietro l'orologio possiamo sempre aspettare lunedì, no?

Corsa contro il tempo

 

Buona disintossicazione, ci vediamo la prossima settimana sempre su Ergonomista.it.

Ritratto di L'ergonomista

Dietro questo nome non c'è solo un uomo, c'è l'idea che l'ergonomia degli oggetti quotidiani possa diventare la strada per ritrovare equilibrio e benessere.

Non fatevi impressionare dai suoi modi decisi ed a tratti irriverenti, ma lasciatevi sorprendere dalle sue rivelazioni.

Ti potrebbe interessare...

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.