Il tempo è denaro, ma il denaro compra il tempo?

Scritto Dom, 20/10/2013 - 22:23 da L'ergonomista

 

Un tossicodipendente di nome Rents ci insegna, in un singolo e squallido minuto, più filosofia di quanta potrebbe spiegarne un professore di storia della filosofia moderna. Poco importa che si tratti di un film, tradotto miseramente da un ottimo libro peraltro.

Guardiamo in faccia la realtà, quanti di noi si riconoscono nelle parole di questo relitto umano? Quanti di noi lottano tra il mutuo della casa e le rate del maxi-televisore? Quanti di noi si danno arie da gran signori trascorrendo le vacanze alle Maldive, lustrando il cofano dell'Audi nuova il sabato pomeriggio e fumando costosi sigari cubani -20 euro a tirata- ma sentendosi morire dentro, giorno dopo giorno?

Il tempo non torna indietro per nessuno, ogni minuto trascorso ci avvicina all'ora fatale e allora perchè non adoperare il nostro tempo al meglio? Perchè siamo incontentabili.

Siamo costantemente alla ricerca di qualcosa di nuovo e diverso: quando abbiamo una relazione stabile cerchiamo la novità in una scappatella, quando riusciamo finalmente a comprarci l'auto dei nostri sogni desideriamo l'ultimo modello di un'altra casa, quando le cose vanno male tutti stanno meglio di noi e quando le cose vanno bene c'è sempre qualcuno che ha di più, quando i genitori si preoccupano di noi ci infastidiscono, quando se ne vanno rimpiangiamo di non averli ascoltati abbastanza.

L'essere umano, come ogni altra creatura del regno animale, è attratto dalle novità per via del loro fascino misterioso, del'amore del pericolo, per via di quella scintilla di pazzia che ci spinge a lanciarci senza rete di sicurezza. La differenza è che io e te possiamo controllarci, il tuo cane no.

Il tempo è denaro, amico mio. E anche avendo tutto il tempo del mondo non saremo felici fino a quando non impareremo a rispettare e amare quello che abbiamo. L'ultimo modello di iPhone non è così importante. Non lo è neanche la borsa di Luis Vuitton, le scarpe firmate e l'orologio da polso.

Orologio Patek Philippe

Non provi tristezza a vedere una persona di 80 anni e pensare che presto anche tu sarei come lei? In prospettiva quanto valgono questi oggetti di cui riempi la tua vita -forse per colmare un vuoto o forse no?

L'illusione del denaro è quella di permetterci di "comprare" tempo così da allungare la nostra vita: una cena al ristorante compra il tempo del cuoco, del cameriere e del responsabile di sala; è un modo di risparmiare un'ora di lavoro per noi.

Forse sarebbe meglio investire in un mercato più stabile, quello degli affetti magari. Perchè non risparmiare tempo da investire in qualcosa che durerà per tutta la vita e forse anche dopo?

Affetti

L'attuale società è fortemente egocentrica e, contrariamente a quanto succedeva nei secoli passati, la nostra esistenza si è trasformata in un cammino solitario inframezzato da sporadiche apparizioni di impalpabili comparse.

Forse è ancora possibile essere felici, forse.

Ritratto di L'ergonomista

Dietro questo nome non c'è solo un uomo, c'è l'idea che l'ergonomia degli oggetti quotidiani possa diventare la strada per ritrovare equilibrio e benessere.

Non fatevi impressionare dai suoi modi decisi ed a tratti irriverenti, ma lasciatevi sorprendere dalle sue rivelazioni.

Ti potrebbe interessare...

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.