Variable Varier: la recensione di Ergonomista.it

Scritto Lun, 19/05/2014 - 09:00 da L'ergonomista

promo flash

               Promo : prezzo speciale Ergositting dal 6 al 9 settembre!

               con FELTRI PROTEZIONE OMAGGIO

                     dal 6 settembre .. clicca su immagine sopra!

variable varier  

 

LE ORIGINI E IL SUCCESSO

Disegnata nel lontano 1979 da Peter Opsvik, la seduta Variable Balans® può essere considerata l’origine e il manifesto fondativo dell’Active Sitting.

Diffusa e popolare in tutto il mondo (prodotta da 35 anni in centinaia di migliaia di esemplari, prima sotto il marchio Stokke, dal 2006 e ad oggi da Varier) è diventata una vera icona di seduta operativa ergonomica, adatta per il lavoro e lo studio di bambini e ragazzi (anche adulti, pur con alcune limitazioni che vedremo successivamente).

CONCETTI DI BASE

L’ispirazione e il design di Variable traggono origine da alcuni concetti di base, introdotti dai teorici della filosofia "active sitting" e poi confluiti nel sistema di seduta Balans® (in particolare in tutti i modelli disegnati in seguito da Opsvik):

  • il corpo, se lasciato libero di muoversi, tende spontaneamente al movimento: ciò deve avvenire anche (e soprattutto) da seduti;

  • la posizione migliore che possiamo assumere, da seduti, è sempre quella successiva: nessuna posizione statica può essere considerata "ergonomica";

  • la seduta costituisce, insieme al corpo, un insieme dinamico in equilibrio, ove il baricentro si sposta a seconda del movimento delle varie parti del corpo e della posizione assunta dalla persona;

  • le forme curve (pattini di appoggio della seduta) sono quelle più adatte per assecondare e favorire un movimento bilanciato.

COME E’ FATTA - COME FUNZIONA

Variable ha le seguenti dimensioni (cm): lunghezza 72, larghezza 52, altezza 51. Peso: 6 Kg.

Struttura e assetto posturale dinamico

Variable presenta una semplice struttura costituita da una coppia di pattini in legno curvi, paralleli e raccordati alla base da un traverso curvo orizzontale in legno, forato al centro (asola). La porzione dei pattini a contatto del suolo presenta un raggio di curvatura tale da permettere il caratteristico movimento basculante, che ricorda quello della classica "sedia a dondolo".

variable vistaVariable vista frontaleVariable vista posteriorelato inferiore variable

Sulla parte superiore della struttura sono montati i "cuscini": due supporti poggiaginocchia e, un pò più in alto, il sedile.

Tali elementi, realizzati in imbottito indeformabile a forte spessore, presentano una inclinazione particolare rispetto alla struttura: l’inclinazione del sedile (circa 30°) permette la corretta apertura dell’angolo tra tronco e gambe e lo scarico di peso dalla zona lombare verso le gambe e i piedi (con i relativi benefici che ne conseguono), mentre quella dei poggiaginocchia segue la linea della gamba flessa (posizione inginocchiata), permettendo un comodo appoggio, a livello di ginocchio e tibia. La funzione di questi supporti è proprio quella di impedire lo scivolamento del corpo in avanti, nella posizione di seduta inclinata, motivo per cui in tale posizione buona parte del peso viene trasferita qui.

variable sedilevariable poggia ginocchia

Ma come si sta seduti su Variable?

La sensazione immediata, dopo aver preso posizione sulla seduta, è effettivamente quella del libero movimento.

Viene spontaneo, da subito, muoversi e provare a dondolarsi: portando il peso ed il busto indietro, la sedia ci segue… possiamo considerare questa posizione quella di "riposo" (intesa: non di lavoro) e di recente è stata integrata l'opzione dello schienale come accessorio per migliorare il comfort (di cui parleremo meglio in seguito) ; in questa posizione può essere anche comodo spostare una gamba (o entrambe) all’esterno, appoggiando il piede a terra e ritrovando una posizione più statica. 

Se invece ci spostiamo in avanti, allungando le braccia (per scrivere, e lavorare) e appoggiandoci ai supporti anteriori, il sedile si inclina ed abbiamo una piacevole sensazione di scarico del peso dall’area lombare-sacrale verso le gambe.

variable pos3      variable pos1 variable pos2

Va detto che la leggerezza e le dimensioni contenute di Variable contribuiscono molto a questo "feeling" immediato: pare quasi che la seduta si integri naturalmente al nostro corpo, permettendoci "magicamente" di muoverci da seduti (cosa a cui non siamo normalmente abituati).

Avendo un piano di seduta inclinato (circa 30°, in posizione "di lavoro"), Variable consente una postura naturale, con la colonna vertebrale in assetto simile a quello eretto.

La posizione della colonna è neutra, con lordosi fisiologica corretta: si evitano così le tensioni muscolari e la compressione dei dischi intervertebrali, effetti caratteristici della seduta tradizionale e statica, che a lungo andare risultano molto dannosi. La postura più eretta determina una migliore apertura della cassa toracica, siamo cioè stimolati a respirare piu’ profondamente.

Questo è essenzialmente il motivo per cui Variable non necessita (almeno nella sua versione tradizionale) di uno schienale. La seduta permette una posizione ergonomica che il corpo assume naturalmente, senza bisogno di altri sostegni per la schiena.

Allena i muscoli e la concentrazione

Inoltre, cosa non meno importante, il movimento di oscillazione favorisce la circolazione generale e l’attività continua dei muscoli della schiena, evitando irrigidimenti e conseguente dolore.

La migliore circolazione ed ossigenazione nei vari distretti del corpo si traduce infine in un senso di maggior benessere generale, percepibile chiaramente dopo un certo tempo di seduta rispetto ad una seduta convenzionale, e quindi in un più alto livello di concentrazione e attenzione, utile a tutti (bambini, ragazzi ed adulti) durante lo studio ed il lavoro.

Varier ha condotto al proposito una serie di interessanti test* volti a dimostrare l’aumento del livello di concentrazione e delle performance cognitive nei ragazzi che utilizzavano Variable al posto di una normale seduta statica.

 

LO SCHIENALE

In tempi recenti Variable è stata dotata come accessorio opzionale (implementabile successivamente), di uno schienale in legno, che viene inserito alla base, nell'asola del traverso tra i 2 pattini, e fissato sotto il sedile.

variable con schienale

schienale variable con cuscino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come abbiamo già accennato, lo schienale non modifica o migliora la postura nella posizione operativa (quando siamo appoggiati in avanti per lavorare, la schiena è quasi staccata dallo schienale). Variable (come tutte le sedute con piano inclinato ) non richiede la presenza di schienale, proprio perchè il corpo si sostiene da solo nella posizione fisiologica simile a quella eretta : lo schienale ha solo un "effetto psicologico" di contenimento, nel caso in cui dovessimo sbilanciare il peso indietro.

La funzione di questo accessorio è quindi quella di sostenerci nella posizione di riposo (durante le pause di lavoro, quando ci spostiamo indietro e ci appoggiamo per rilassarci).

La scelta di uno schienale essenziale e di stile 'scandinavo' (è una semplice "fascia" in legno naturale, abbastanza larga da risultare comoda in appoggio e curvata nella parte alta) va nella direzione di non appesantire la sedia fornendo al contempo un appoggio solido e sicuro.

Per migliorare ulteriormente il comfort in fase di relax, si può aggiungere il cuscino per schienale (nello stesso colore tessuto della seduta) che si infila sullo stesso velocemente, chiudendolo con una zip: otteniamo in tal modo la versione "full optional" di Variable (completa di schienale e relativo cuscino), che è anche esteticamente molto piacevole. 

MATERIALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Variable è il modello più diffuso di un’ ampia gamma di sedute prodotta da Varier, azienda norvegese che fonda la propria filosofia sulla sensibilità ambientale, la qualità dei materiali e modalita’ produttive "amiche" della natura e dell’uomo

LEGNO

faggio multistrato variable

Fin dagli esordi del sistema di seduta Balans, è stato scelto il legno lamellare di faggio per costruire le strutture, per le caratteristiche di resistenza e flessibilita’ che lo rendono adatto all’uso con carico dinamico (dato che ogni seduta di questo tipo è in costante movimento insieme al corpo e deve pertanto risultare "elastica") ; inoltre la scelta del legno lamellare è anche giustificata dal primario obiettivo di non sprecare risorse.

Per conferire la particolare curvatura ai pattini viene utilizzato un particolare procedimento di curvatura del legno a vapore caldo, mentre per le laccature del legno si utilizzano vernici a base d’acqua, senza componenti tossici.

 

Varier ha adottato di recente (2014) la finitura frassino per la versione legno naturale: pertanto i pattini delle sedute Balans si presentano con il caratteristico effetto multistrato sulle facce laterali (il legno lamellare è sempre faggio); mentre i lati del pattino superiore e inferiore, a vista, sono rivestiti con impiallacciatura di legno frassino, un pò più chiaro rispetto al precedente faggio, e meno tendente al giallo. A nostro parere l’effetto estetico, già ottimo, è ancora migliorato. La struttura si può anche scegliere con finitura frassino laccato nero (mentre è stato eliminato il bianco, forse valutato più delicato e meno pratico, al di là dell’ indubbio effetto estetico).  

IMBOTTITURE 

Le imbottiture sono un elemento molto importante di ogni seduta Balans:

è fondamentale infatti che esse forniscano un valido supporto nei punti di appoggio (glutei, cosce, ginocchia) dove viene trasferito il peso.

Tale supporto deve essere al contempo solido e confortevole, ma soprattutto indeformabile nel tempo: è noto infatti il problema delle sedute a ‘postura inginocchiata’ più economiche, in cui vengono utilizzati imbottiti più scadenti, che nel tempo tendono a perdere consistenza e a ‘schiacciarsi’. Non è infrequente, dopo pochi mesi o anni d’uso, che chi usa queste sedute (scelte per motivi di maggiore economia iniziale) lamenti scomodità e/o dolori a glutei e ginocchia (dovuti al fatto che queste parti del corpo finiscono a contatto con la struttura rigida della sedia.. in molti casi metallica!). In tal modo, il maggiore beneficio che si ottiene da una posizione di seduta più naturale e corretta, si perde in poco tempo a causa di problemi e dolori che sorgono proprio in queste aree di contatto. Verrebbe da dire.. "tanto vale" !

Le sedute Varier, pur costando inizialmente di più (..c’è più di un motivo!), sono del tutto esenti da questi problemi: il fornitore norvegese delle imbottiture è Sandella, imbottito indeformabile di qualità che non contiene sostanze dannose quali CFC, PBDE, PBB o metalli pesanti.

Inoltre questo produttore è dotato della certificazione norvegese "Eco-Lighthouse" per prodotti di eccellenza ambientale.

METALLO

Variable traverso orizzontale curvo e asola

In Variable (e in ogni seduta Varier), le parti metalliche sono ridotte al minimo; ciò è dovuto ovviamente al fatto che queste sedute sono per lo più prive di ‘meccanica’ (intendiamo meccanismi metallici a supporto del movimento), ma devono la loro dinamicità al concetto di base e alla forma-design che ne consegue. I pochi elementi metallici sono quelli dei fissaggi (viteria): anche in questo caso ritroviamo la stessa attenzione, viene usato metallo privo di cromo trivalente, quindi non dannoso, nè durante il processo produttivo, nè durante l’utilizzo.

La viteria utilizzata (viti con testa brugola) è unificata in modo da richiedere l’utilizzo di una sola chiave. Dato che il legno è un materiale "vivo" ed elastico, e le parti tendono ad un naturale assestamento con l’uso, è buona norma non serrare completamente le viti al momento del montaggio, ma attendere dopo qualche settimana. 

 

 

 

RIVESTIMENTI

Ed eccoci infine ai rivestimenti: tessuti e pelli.

Varier applica una politica che indirizza naturalmente la maggior parte della richiesta del proprio pubblico (in particolare quello di mercati come il nostro ) verso le categorie di rivestimento a prezzo base (categorie 0 e 1), in quanto le categorie di tessuto superiori (fino alla microfibra e pelle), presentano differenze di prezzo sensibili.

Ciò permette di ottimizzare l’approvigionamento dei materiali e di garantire una disponibilità di prodotto ‘pronta consegna’ in un certo numero di varianti colore delle suddette categorie.

La maggior parte della produzione si ha quindi in tessuto tipo Step o Fame del produttore Gabriel® (uno dei leader nella produzione di tessuti per il settore arredamento).

Dal 2017 è disponibile il nuovo tessuto Revive (produttore Kvadrat), disegnato da Georgina Wright ed ottenuto a partire dal PET (bottiglie di plastica ) riciclato, secondo un processo industriale a bassissimo impatto ambientale.

Tali tessuti sono particolarmente robusti e caratterizzati da una elevata resistenza alla luce ed allo strofinamento, oltre ad essere eco-compatibili e assolutamente non dannosi, così’ come lo sono i processi produttivi per la loro realizzazione.

Per quanto riguarda i tessuti in lana, essi arrivano da produttori Danesi e Norvegesi e sono certificati eu-ecolabel "Theflower". Vengono prodotti da lana proveniente dalla Nuova Zelanda, che non subisce processi chimici durante la lavorazione.

La microfibra Dinamica® è prodotta in Italia da Miko, attraverso il riciclo di fibre di poliestere e bottiglie in plastica (PET), ed è certificata Oeko Tex.

La pelle infine, rivestimento top di gamma della collezione, può essere tinta anilina o semi-anilina, con una grana naturale, conciata senza l’utilizzo di PDP e CFC.

I cuscini di Variable, a differenza di altri modelli della gamma Varier che vedremo in seguito, non sono sfoderabili (muniti di cerniere zip), pertanto volendo sostituirli è necessario acquistare l’intero cuscino rivestito

FELTRI DI PROTEZIONE: UN ACCESSORIO IMPORTANTE!

L'uso degli appositi feltri di protezione (una coppia di strisce in feltro adesivo da applicare sotto i pattini) è altamente consigliato per i seguenti motivi: preservare la struttura in legno di Variable (evitando l' usura dei pattini sulla faccia inferiore nel lungo periodo), proteggere il pavimento stesso da sfregamenti (sopratutto se si tratta di parquet o altra finitura delicata) e infine rendere più confortevole la sensazione di contatto col suolo dondolandosi, soprattutto su pavimenti particolarmente duri (marmo, cotto, piastrelle, ecc).

Alcune offerte online comprendono nel prezzo di vendita la spedizione gratuita e la coppia di feltri protezione omaggio, che a nostro avviso dovrebbe essere data in dotazione con la seduta, dato il costo sensibile della stessa.  

Ecco un esempio di offerta di questo tipo (cliccare sul link): Ergositting - Varier Variable

 

CONTROINDICAZIONI: PER CHI NON E’ ADATTA

Variable è stata concepita, fin dall’inizio, come seduta per bambini e ragazzi, quindi destinata alle loro attività da seduti (studio e gioco in particolare), anche se è ampiamente utilizzabile dalla maggior parte delle persone adulte.

Tale destinazione d’uso spiega anche la sua struttura e dimensioni (è leggera, e la sezione dei pattini è ridotta rispetto ad altri modelli della gamma Balans), fattore che ne sconsiglia l’uso per persone di una certa altezza (diciamo da 175-180 cm in su) per la distanza ridotta tra sedile e poggiaginocchia (che rende la seduta scomoda ) e peso (dai 75 kg in su).  Dunque se avete queste "dimensioni", il consiglio è di rivolgersi ad altri modelli più grandi e "strutturati".

Per l’uso da parte di persone piu' basse della media (soprattutto i bambini in età pre-scolare e scolare), Varier fornisce, come accessorio, una coppia di distanziali, che riducono la distanza tra il sedile e i poggiaginocchia, permettendo al bambino di sedersi ed avere i supporti ad altezza delle proprie ginocchia.

Inoltre, come altri modelli della gamma, Variable non è provvista di regolazione in altezza del piano di seduta, pertanto si addice per lo più a persone, e piani di lavoro, di altezza media (o medio-bassa): se disponete di un piano di lavoro fisso e alto (da 76-78 cm. in su), questo tipo di seduta non è ottimale (nessun problema ovviamente se il vostro piano ha altezza regolabile).

Questo limita anche, in parte, la possibilità di usare Variable per lavorare in ufficio: la nostra normativa di riferimento (dls 81, UNI EN 1335, ecc. ) prevede che la seduta operativa conforme, per uso a videoterminale, abbia una regolazione in altezza entro particolari limiti, ed uno schienale altrettanto regolabile, in inclinazione ed altezza. Senza esaminare le varie casistiche, in linea teorica possiamo affermare che, in caso di problemi e patologie posturali che consiglino l'uso di uno strumento specifico come Variable - e in presenza di dichiarazione del medico che certifichi tale prescrizione - il datore di lavoro può permetterne l'uso in ufficio (nel caso, ad esempio, in cui il lavoratore sia già in possesso della seduta e la porti da casa per usarla ufficio). Qualora il lavoratore dimostri la propria necessità (sempre attraverso una dichiarazione medica), può fare richiesta al proprio datore di lavoro/responsabile di essere dotato della seduta (implicando un acquisto però, questo sarà valutato a discrezione di chi deve effettuarlo).

Variable - a casa e in ufficio - è comunque adatta a ogni attività operativa (lavoro al pc, scrittura, lettura) e a persone che debbano stare sedute a lungo (potendo beneficiare del dinamismo da seduti).  

C’è un ovvio limite tuttavia (che a buon senso non si dovrebbe superare! ) al numero di ore passate in posizione ‘inginocchiata’ senza alternare pause. L'uso di Variable, controindicato in presenza di patologie e disturbi a carico delle ginocchia -gonartrosi, protesi d'anca e di ginocchio, ecc., deve seguire la regola base della seduta sana: quella di concedersi, periodicamente e per quanto possibile durante la giornata lavorativa, pause di alcuni minuti in posizione eretta, camminando e stirando i muscoli con un leggero "stretching". 

Il movimento, come ben sappiamo, è la base di partenza per mantenere la nostra colonna vertebrale in forma e in salute. Per lo stesso motivo, Variable è indicata per persone che soffrono di disordini della colonna vertebrale quali mal di schiena, ernia del disco, spondilolistesi e cervicalgia.

In caso di utilizzo molto prolungato, è consigliabile comunque adottare lo schienale (acquistabile separatamente) o rivolgersi al modello Thatsit di Varier. Altra buona norma, disponendo di una seduta di tipo tradizionale, è quella di farne uso alternandola a Variable: lo scopo è quello di non permettere al corpo di abituarsi ad un’unica posizione, ma di concedergli quanta più variazione e movimento possibile

LEGGEREZZA E VERSATILITA’

Variable: una seduta che possiamo definire davvero..."smart"!

E’ un oggetto leggero, poco ingombrante, dalle forme morbide e piacevoli. Si sposta e solleva con il minimo sforzo. E’ come un gioco, un’idea brillante che coniuga semplicità, praticità e benessere.

Variable consente una molteplicità di posizioni: la puoi usare nel modo normale (posizione inginocchiata).. appoggiare un piede all’esterno, o entrambi.. puoi metterli sui poggiaginocchia e dondolarti dall’alto.. i bambini più piccoli riescono addirittura a sedersi lì (sui poggiaginocchia) e appoggiarsi al sedile, come piano per disegnare e giocare!

Quando sei stanco della posizione solita, puoi sederti al contrario (dalla parte opposta dei poggiaginocchia) e il piano di seduta torna ad essere orizzontale, come quello di ogni normale sedia.. Puoi anche usare Variable come "palestra portatile" (qualche anno fa era stato creato un programma di esercizi apposito, chiamato "Sitness").

E quando hai finito di fare tutte queste cose, puoi "appendere" la sedia al piano di lavoro , oppure appoggiarla sopra, e liberare spazio intorno a te... Puoi desiderare di meglio?

variable appeso variable appoggiato a piano

ACQUISTO ONLINE

Il miglior acquisto della seduta si può fare online : il prezzo delle versioni base, pronta consegna, è ormai standardizzato per i principali shop che trattano questo articolo (secondo indicazioni di listino online del distributore Varier in Italia), ed è in media più basso del 10% rispetto al prezzo rilevato nei negozi fisici non aderenti allo stesso programma.

Alcune offerte online comprendono nel prezzo di vendita la spedizione gratuita e la coppia di feltri protezione omaggio, che a nostro avviso dovrebbe essere data in dotazione con la seduta, dato il costo sensibile della stessa.  

Vedi qui:  Ergositting - Varier Variable

 

Recensioni Varier Variable

Ritratto di L'ergonomista

Dietro questo nome non c'è solo un uomo, c'è l'idea che l'ergonomia degli oggetti quotidiani possa diventare la strada per ritrovare equilibrio e benessere.

Non fatevi impressionare dai suoi modi decisi ed a tratti irriverenti, ma lasciatevi sorprendere dalle sue rivelazioni.

Ti potrebbe interessare...

Commenti

Desidero dei consigli su come stare seduti sulla poltrona . ad es. la testa( sono alta 1,56)a che altezza va posizionata sull' appoggiatesta?Gentili di una vostra risposta vi porgo cordiali saluti

Non capisco il successo di questa sedia, specialmente per chi ha problemi posturali. Io personalmente ho continui mal di schiena da protrusione discale lombare e non ho la muscolatura che mi sorregga le spalle nella giusta posizione, ho la classica posizione ingobbita. Ho usato la Varier per un po' ed è stata una tortura, non avendo uno schienale che mi sorreggesse la lombare o mi consentisse di poggiare e aprire le spalle diventava automatico incurvarmi e appiattire la curva lombare, o accentuare la lordosi (con conseguente pericoloso schiacciamento vertebrale), cioè l'esatto opposto di quello che questa sedia dovrebbe fare. Davvero non capisco come si faccia a starci seduti su.

Stefania,

io anche ho una protusione lombare. C'è da dire che non si risolve magicamenteb da sola, e bisogna mettersi d'impegno con esercizi e altro. Sicuramente questa sedia aiuta molto, e allieva il dolore. Richiede però, per persone come noi, un certo sforzo posturale, bisogna sforzarsi di stare dritti.

Chi non risica non rosica :)

Consigliatissima, all'inizio mi pesava spendere 300€, ma dopo 6 mesi devo dire che sto molto comodo e le mie lunghe ore di computer passano un pò meglio!

Io lavora da seduto facendo il ricercatore di matematica avevo anche pensato di lasciare il mio lavoro per la sofferenza nello stare seduti. Ma grazie a queste sedie ho potuto continuare a lavorare e stare seduto tutta la giornata. Io ho un ottima postura e muscolatura ma altro che protusioni discali magari fosse quello il mio problemo ho dischi totalemente disidratati per uno dei quali darò fusione ora.

Il punto è imparare ad usare la sedia e avere un piano di lavoro all'altezza adattaa te. Io mette dei rialzi quadrati che ricavo facilemte da "lastre" di poliuterano (che trovi al brico). Il trucco è aprire l'angolo tra gambe e busto . Tenere una posizione come fossi in piedi la sedia te lo fa fare naturalemente se la usi bene. Lo schienale va aggiunte per riposasìrsi di tanto in tanto e l'altezza della scrivania deve essere tale da non farti ingombbire per leggere /scrivere

Io lavora da seduto facendo il ricercatore di matematica avevo anche pensato di lasciare il mio lavoro per la sofferenza nello stare seduti. Ma grazie a queste sedie ho potuto continuare a lavorare e stare seduto tutta la giornata. Io ho un ottima postura e muscolatura ma altro che protusioni discali magari fosse quello il mio problemo ho dischi totalemente disidratati per uno dei quali darò fusione ora, e per arrivarea dischi disdratadi sai protusioni e ernie che vengono prima..

Prima di tutto devi evidentemente fare dell'attività fisica adeguate perchè delle protusioni non possono dare grandi problemi.
Poi Il punto è imparare ad usare la sedia e avere un piano di lavoro all'altezza adattaa te. Io mette dei rialzi quadrati che ricavo facilemte da "lastre" di poliuterano (che trovi al brico). Il trucco è aprire l'angolo tra gambe e busto . Tenere una posizione come fossi in piedi la sedia te lo fa fare naturalemente se la usi bene. Lo schienale va aggiunte per riposasìrsi di tanto in tanto e l'altezza della scrivania deve essere tale da non farti ingombbire per leggere /scrivere

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.