Move Varier : la recensione di Ergonomista.it

Scritto Mar, 07/10/2014 - 23:37 da Marco Viola

Move Varierrecensione ergonomista

LAVORARE E MUOVERSI A 360°

Lo sgabello ergonomico Move è una delle poche sedute 'dinamiche' del produttore Varier che non fa propriamente parte del sistema Balans, e non è stata infatti concepita da Peter Opsvik.

Lanciato nel lontano 1984 dal designer Per Oie, Move ha ottenuto ben presto un buon successo, che dura ed è confermato tuttoggi: ciò grazie alla semplice genialità di una soluzione che consente di muoversi e lavorare in una posizione 'intermedia' (non in piedi ma nemmeno completamente seduti), potendo raggiungere facilmente ogni punto intorno allo sgabello, nell'arco completo di 360°. La conformazione particolarmente anatomica del sedile permette lo scarico dei pesi verso la parte inferiore del corpo, in piena coerenza con i principi base dell' 'active sitting'.

Com'e' fatto - come funziona

Move, nella versione Standard (vedremo infatti che esistono alcune varianti), è largo 41cm. alla base (43 al sedile), ha un'escursione in altezza da 49 a 68 cm. Il peso è di 6,3 Kg. 

Move basamento legno

Il segreto della dinamica di questo sgabello risiede nella caratteristica base in legno 'curva' : un disco in faggio multistrato (materiale largamente usato nei pattini delle altre sedute 'attive' Varier), molto robusto e sufficientemente ampio (oltre 40 centimetri di diametro), concavo verso il centro (assomiglia ad un piatto). Con questo espediente la base, e tutta la struttura soprastante, compreso il nostro corpo,  è in grado di oscillare sull'asse centrale, in ogni direzione : naturalmente il raggio di curvatura ridotto mantiene tale oscillazione entro determinati e opportuni limiti di sicurezza (cercando di inclinarsi maggiormente la base 'punta' verso il bordo, in modo tale che non sia mai possibile sbilanciarsi).

Al centro del disco è fissato l'attacco del pistone centrale in acciaio verniciato nero: tutti i componenti sono dimensionati generosamente e danno sensazione di grande robustezza, dovendo trasferire il peso in questo unico punto.

Il pistone a gas, lo stelo centrale in acciaio nero, è di ottima qualità e testato per reggere pesi anche elevati, senza perdere pressione e resistenza con l'uso negli anni. E' disponibile addirittura con 3 escursioni/altezze, scelta che rende Move davvero versatile ed adatto a tutte le persone o situazioni d'uso.

La versione 'standard' è quella più diffusa: prevede una regolazione da 56 a 82 cm. di altezza, permette di usare lo sgabello sia alla normale scrivania, che eventualmente ad un tavolo più alto. Il pistone 'low' (da 49 a 68 cm.) è indicato per persone di bassa statura o bambini/ragazzi, o comunque prevedendo un uso normale alla scrivania per studio e lavoro. Il tipo 'high', infine, è consigliato alle persone di statura più alta della media o per uso con tavoli alti ed extra-alti.                                                                                               

Move comando elevazione

Sulla estremità superiore del pistone, troviamo la piastra di attacco di questo al sedile, con la leva laterale sporgente (simile a quelle che comandano la regolazione in altezza di una comune seduta da ufficio). Tirando leggermente questa leva in alto, verso il sedile, agiamo sulla cartuccia del pistone ed il sedile scende, fino al rilascio della leva stessa. Sollevando leggermente il peso del corpo dal sedile, con la leva sollevata, l'altezza del sedile aumenta.

 

 

 

 

 

 

Move lato inferiore sedile

Move gancio per tavolo

Move aggancio tavolo

Sul lato inferiore del sedile, rivestito in tessuto nero con 3 zip disposte radialmente (il sedile di Move, come altri cuscini delle sedute Varier, si può facilmente sfoderare per il lavaggio o la sostituzione del tessuto), troviamo un dettaglio che non viene facilmente notato, e di cui lo stesso utilizzatore ignora spesso l'esistenza : una sorta di 'nottolino' circolare, in materiale plastico-gommoso, avvitato alla scocca del sedile, verso la parte esterna. Questa piccola protuberanza, di cui viene da domandarsi la funzione, ha la funzione di un 'gancio', serve infatti ad appoggiare la parte inferiore del sedile al piano del tavolo, in modo che la seduta rimanga appesa. Il punto di appoggio è minimo, ma sufficiente a trattenere la seduta al piano senza farla scivolare.  E' una particolarità curiosa, ma per niente banale ai fini della praticità dello sgabello : come avevamo già visto per Variable, quando abbiamo finito di usare la seduta, possiamo 'staccarla' da terra e 'parcheggiarla' al nostro piano di lavoro, ciò permette di risparmiare spazio (specie in situazioni dove esso è scarso) per muoversi, per la pulizia del pavimento, ecc.  

 

 

 

 

 

Move sedile sellaVeniamo infine all'elemento più caratterizzante di Move, il sedile a forma di 'sella', che colloca la seduta nella categoria delle cosidette 'saddle chairs' (insieme ad altri modelli di sedute ergonomiche, quale ad esempio Hag Capisco).

Il sedile è un cuscino con imbottitura di forte spessore ed alta qualità (indeformabile nel tempo, come tutti gli schiumati utilizzati da Varier) e conformato in modo particolare : visto dall'alto, ha una forma 'stellata' a 3 punte arrotondate, è più basso nella zona centrale, mentre le estremità sono sagomate e rilevate verso l'alto.

 

 

 

 

 

Move seatQuesto design particolare, che ricorda appunto la forma di una sella equestre, conferisce al sedile una grande comodità, dovuta ad un assetto davvero anatomico per il corpo.

 

 

 

 

 

 

 

Uso dinamico e posizioni

Move può essere usato nella posizione normale, come un semplice sgabello con piano di seduta orizzontale, regolato su un'altezza medio-bassa (per un piano di lavoro ad altezza standard): in questa posizione d'uso apprezzeremo soprattutto la comodità del sedile, che ci fornisce una appoggio anatomico essenziale, solo dove serve ( cioè senza l'ingombro di un basamento, schienale, braccioli, ecc.), naturalmente da seduti potremo oscillare leggermente sul nostro asse.

La posizione che esalta la funzionalità di Move è però quella con il sedile elevato: ciò che Move offre, infatti, è una sorta di 'sostegno dinamico' in una posizione intermedia tra quella seduta e quella eretta. In questo assetto intervengono più fattori: il piano di seduta si inclina leggermente in avanti, permettendo di scaricare il peso della zona dorsale e lombare verso gli arti inferiori, grazie alla conformazione particolare del sedile che favorisce un apertura dell'angolo tronco femorale fino a 130/140°. Ciò che rende questa posizione particolarmente rilassante e piacevole, ma soprattutto salutare rispetto ad una seduta tradizionale, è il dinamismo : viene infatti spontaneo non rimanere nella stessa posizione, ma oscillare leggermente il tronco e il bacino, con tutti i benefici che conseguono in termini di 'seduta attiva'. I piedi fanno da appoggio e consentono di bilanciarsi e stabilizzarsi ma anche di inclinarsi, girarsi e ruotare di 360°, con grande facilità.

La conformazione a sella del sedile, oltre ad essere particolarmente comoda, è stata pensata proprio per potersi muovere e protendere in avanti senza scivolare.

Questo movimento tiene attivi i muscoli ed è utile per prevenire tensioni muscolari e mal di testa : la colonna assume una curvatura naturale e si alleggerisce la pressione sui dischi intervertebrali. Promuove inoltre una migliore circolazione sanguigna e migliora l'apporto di ossigeno al cervello, il che si traduce in una mente più attiva. Anche la circolazione dei piedi, grazie al movimento, è migliore.

A casa e in ufficio

Move, grazie alle caratteristiche viste sopra, è dunque una seduta leggera ed estremamente verstaile, adatta a più situazioni d'uso e tipi di persone o figure professionali.

A casa possiamo usare Move per accomodarci e mangiare, o cucinare, su un piano alto (tipo un bancone della cucina), stesso uso può essere fatto in un locale di ristorazione che abbia le pareti perimetrali attrezzate con piani alti; ogni altra attività domestica dove sia più agevole una posizione semi-verticale ed eretta (fare i lavori di casa, stirare, fare i compiti, dipingere, suonare) è efficacemente supportata da Move.

 Move bambinaMove banconeMove cucinaMove pittore

In ufficio Move trova una collocazione ideale in tutte le situzioni in cui vi sia un piano alto, o regolabile in altezza: scrivanie con piano elevabile, banconi, reception, ecc. ; è anche molto indicato intorno ai tavoli riunione operativi, dove le persone debbano incontrarsi per brevi riunioni e briefing.

La caratteristica interessante di questa seduta, dal punto di vista operativo, sta nella possibilità di poter raggiungere agevolmente ogni posizione intorno ad, nell'arco di 360° e più o meno lontana dalla seduta stessa.

Move managerMove scrivania Move womanMove working low

Le persone a cui Move risulta naturalmente dedicato, sono tutti coloro che per lavoro debbano operare quasi in piedi - con l' 'oggetto di lavoro' posto all'altezza della testa o più in basso - ma evitando la fatica di stare continuamente in questa posizione, o dover chinare spalle e capo in modo innaturale. Per citare qualche categoria: architetti, pittori e disegnatori, oculisti, dentisti e medici in generale, fisioterapisti, parrucchieri,  ecc.  

Anche chi ha necessità - o preferenza - di lavorare molto in basso, cioè a livello del pavimento, senza stare in posizione inginocchiata (a lungo andare disagevole e poco salutare per le ginocchia), può utilizzare Move (più adatto nella versione con pistone 'low') e protendersi agevolmente verso il basso e in avanti con le gambe leggermente divaricate (vedi foto sopra).

Date le ridotte dimensioni, e la possibilità già vista di 'parcheggiare' lo sgabello, attaccandolo al piano di lavoro, Move è infine un'ottima seduta complementare, utile in tutti i casi in cui ci serve una sedia in più, per uso temporaneo.

LE VERSIONI E GLI ACCESSORI

Move, oltre ad essere strutturalmente molto versatile, è altrettanto ampiamente configurabile. Abbiamo già visto in precedenza le varianti determinate dalla altezza ed escursione del pistone : low, standard e high.

La base in legno di faggio si può attualmente avere in tinta naturale, oppure laccato nero.

Gli altri elementi che possiamo scegliere in base al nostro utilizzo e alle nostre caratteristiche fisiche sono:  il diametro della base legno e del sedile (Move Small, Move II) , un diverso tipo di basamento a 5 razze su ruote (Move Plastic Cross, Move Aluminium Cross) con o senza movimento di oscillazione (Move Tilting)

Move small

Move Small ha un sedile più piccolo (diam. 33 cm) e una base più piccola (diam. 34 cm.) che può essere scelta nella versione faggio naturale o nero. E' la versione adatta per i bambini fino a circa 20 kg. di peso. L'escursione del pistone è quella 'low' (49-68 cm). Per maggior sicurezza dei più piccoli è inclusa la protezione in gomma sulla circonferenza della base, che protegge i pavimenti delicati e garantisce maggior stabilità.

 

 

 

 

 

 

Move II

Move II ha il sedile più piccolo (come quello di Move Small, diam. 33 cm) ma la base standard (diam. 41 cm.), stessa scelta di colore, faggio naturale o nero. Questa versione va bene per i ragazzi (o per chi voglia optare per un sedile più piccolo) ed è disponibile con le altezze di pistone low/standard/high. Praticamente è la versione standard che monta il sedile piccolo.

 

 

 

 

 

 

Move razze

In tempi recenti Move è stato fornito di una base a razze su ruote standard, che avvicina più lo sgabello all'idea di una seduta per ufficio, con la mobilità delle rotelle, ciò ha favorito una maggiore introduzione di Move nel mondo dell'ufficio, per uso lavorativo e professionale. Nella versione senza movimento tilting (vedremo subito dopo quella con tilting), non c'è il movimento oscillatorio che era dato dalla base curva in legno, a favore di una maggior stabilità, e senza perdere i benefici del sedile a sella.

Il basamento a 5 razze su ruote può essere fornito in versione plastica nera Plastic Cross (diam. 58 cm., altezze low,standard,high) o in quella più solida ed elegante Aluminium Cross (diam. 65 cm., altezze standard e high).  

Le ruote possono inoltre essere scelte a seconda delle proprie preferenze: senza frenatura, frenate in presenza di carico quando siamo seduti, o frenate senza carico. 

 

 

 

 

 

 

Move tiltMove tilt 3

L'ulteriore evoluzione del basamento su ruote, che recupera il movimento basculante del basamento in legno, è la versione Move 'tilting' : con una particolare modifica, il pistone a gas ha ora la possibilità di oscillare rispetto all'asse verticale, possiamo così protenderci in avanti o indietro e agire a diverse altezze mentre il sedile segue ed asseconda il nostro movimento.

Con questa versione la funzionalità di Move è completa, integrando tre fattori: la stabilità (data dal basamento largo a razze), la mobilità (ruote), e l'oscillazione (il movimento 'tilting' del pistone. 

 

 

 

 

 

 

 

Move protezione gomma

Infine Move può essere dotato di un accessorio particolarmente utile per la sicurezza e il comfort in caso di utilizzo su un pavimento delicato o particolarmente duro (marmo, piastrelle ecc.) : il disco di protezione in gomma (rubbersole).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Move rubber

Come si vede dall'immagine è una guaina in gomma circolare con i bordi rilevati che si può inserire agevolmente sulla base in legno: avremo quindi un contatto gomma - pavimento (anzichè direttamente con il legno), il che diminuisce l'eventuale scivolamento e rende lo sgabello ancor più sicuro, preservando al contempo il bordo della base da urti o rigature.

La protezione di gomma è già inclusa per la versione Move Small (dato l'uso da parte dei bambini l'aspetto della sicurezza/antinfortunistico è fondamentale), mentre può essere acquistato a parte per le altre versioni con base legno. 

 

 

 

 

 

 

Dal 2017 è disponibile , per il rivestimento del sedile, il nuovo tessuto Revive (produttore Kvadrat), disegnato da Georgina Wright ed ottenuto a partire dal PET (bottiglie di plastica ) riciclato, secondo un processo industriale a bassissimo impatto ambientale.

PREMI E RICONOSCIMENTI

Nel corso degli anni, Move ha ricevuto alcuni riconoscimenti particolari per le sue caratteristiche innovative nel campo del design e dell'ergonomia.

Il Norwegian Design Council ha premiato Move con il Classic Award for Design Excellence, con la motivazione di esser diventato, fin dal suo ingresso sul mercato nel 1985, una icona del design che ha creato una forte identità non solo per il marchio Varier ma anche per tutte le persone e le aziende che lo utilizzano.

Physio Select, che seleziona prodotti di particolare validità secondo l'Associazione Nazionale dei Fisioterapisti Diplomati Austriaci, ha indicato Move come 'il supporto ideale per stare seduti in posizione semi-eretta, stimolando il movimento e l'equilibrio, con un'ottima regolazione in altezza e la possibiltà di ruotare che consente un largo raggio di operatività'.

INERMAP, Instituto de Ergonomia di Zaragoza (Spagna), ha compiuto un test di utilizzo in diversi spazi di lavoro reali, da parte di parrucchieri, cassieri, dentisti, architetti e ingegneri. Nella relazione finale si afferma 'questo prodotto incrementa la sensazione di comfort .. e riduce significativamente la scomodità e l'affaticamento di piedi, gambe e colonna vertebrale.. Gli studi biomeccanici effettuati dimostrano una significante riduzione dell'affaticamento della zona lombare e dorsale e una minore incidenza di cervicalgia..'

 

Nota: 

Tutte le immagini non di proprietà di Ergonomista.it sono riportate per gentile concessione di Varier Furniture srl

 

 

 

 

> > Recensioni Varier Variable

 

Ritratto di Marco Viola

Architetto, laureato presso Politecnico di Torino nel 1995, da allora si occupa di arredamento per interni, nel settore specifico dell' ufficio. 

Per natura sensibile agli equilibri (e distorsioni) nella relazione tra attività umane ed ambiente in cui si svolgono, è interessato a tematiche di ergonomia pura.  

Ti potrebbe interessare...

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.